aprile 2008


http://www.primonumero.it/attualita/news/index.php?id=1209474670

http://www.estatermoli.it/news.asp?id_news=3524

maya_nagy_g.jpgmaya_nagy_g.jpg

Copertina Catalogo.jpg

Carmelo_Arden_Quin_-_Lice,_1945_olio_su_cartone_cm_43,5x30,5.jpg

opera Arden Quin.jpg

COMUNICATO STAMPA-INVITO

Lunedì 5 maggio – ore 17,00

Galleria SCOGLIO di QUARTO – via Ascanio Sforza, 3 Milano

inaugurazione della mostra:

LE TEORIE DEL MADI

a cura di

GABRIELLA BREMBATI – REALE F.FRANGI – GINO LUGGI

GIANFRANCO NICOLATO – PIERGIORGIO ZANGARA

testo critico di

MATTEO GALBIATI

opere di:

ARDEN QUIN (Uruguay); BENSASSON (Francia); BERTOLIO (Italia); BINET (Francia); BLASZKO (Argentina); BOLIVAR (Uruguay); BOURMAUD (Francia); BRANCHET (Francia); CHARASSE (Francia); CHAVEZ (Stati Uniti); COADOU (Francia) CORNOLO’ (Italia); CORTESE (Italia); DRUGDA (Slovacchia); DE JONG ORLANDO (Olanda); FACCIO (Argentina); FORLIVESI (Italia); FRANGI (Italia); FROMENT (Francia); FULCHIGNONI (Italia); GALVAO (Brasile); HERNANDEZ (Venezuela); HORVATH (Belgio); HULIK (Slovacchia); JOUET (Francia); KIMURA (Giappone); LAMBELE (Belgio); LOMBARDI (Italia); LUGGI (Italia); MARINHO (Brasile); MASCIA (Italia); MILO (Italia); MINORETTI (Italia); MORI (Giappone); NEYRAT (Francia); NEM’S (Ungheria); NICOLATO (Italia); PASQUER (Francia); PATAKI (Ungheria); PERROTTELLI (Italia); PILONE (Italia); PINNA (Italia); PRADE (Francia); RIDELL (Svezia); ROHR (Belgio); ROSA (Italia); SAXON SZASZ (Ungheria); SZARAZ (Ungheria); SILVA (Venezuela); THOMEN (Francia); YOUSSEF (Egitto); VACHER (Francia); VAN LIER (Olanda); ZANGARA (Italia)

an-sc-da-noe-Termoli.jpgan-sc-da-noe-Termoli.jpgan-sc-da-noe-Termoli.jpg

http://www.ilbenecomune.it/web/index.php?page=elemento&id=3895

Ho visitato la manifestazione. Non c’è dubbio che l’idea e la costruzione dell’evento siano contenitore di un altissimo sapere messo a disposizione del territorio. Le manifestazioni d’arte hanno il compito di aprire coscienze collettive attraverso una sorta di percorso che mette in campo, come in questo caso, anche la comparazione tra i vari linguaggi, non solo delle arti, ma del pensiero che una cultura, le culture, delle aree costeggianti l’Adriatico, hanno in sostanziale differenza o in sensibile accordo. In questo modo l’umanità della costa ha possibilità di confrontarsi, scambiarsi le differenze ed aprire consapevoli scambi di rispetto e di unione che di solito sono precognitiva formazione silenziosa prominente ai meccanismi sottesi delle percezioni. Si crea così l’apparato sintomatico per la creazione di quelle che, poi storicamente, diventeranno prima avanguardie poi strutturalismi e canonicità museali. Insomma, per dirla in forma più settoriale, è ciò che Wolfflin, con il “Kunstgeschichtliche”, cerca di individuare nelle leggi che muovono e regolano lo svolgimento dei mutamenti dello stile, schematizzate nelle famose cinque coppie di principi formali. È chiaro che detto altrimenti e con mena specificità del linguaggio estetico, si potrebbe addirittura risalire alla magnifica apertura di Melville nel migliore testo letterario donato all’umanità, ovvero Moby Dick: “Ma, ecco! Che giungono altri gruppi, che van diritti all’acqua e con l’intenzione, pare, di fare un tuffo. Strano! Nulla li soddisfa, se non il limite estremo della terraferma […] Ed eccoli là fermi, per miglia e miglia, per leghe. Gente dell’interno, tutti, vengono da viottoli e da vicoli, da vie e da corsi, dal nord, dall’est, dal sud e dall’ovest. E pure qui si uniscono tutti. Ditemi, forse il potere magnetico degli aghi delle bussole di tutte quelle navi li attira qua?”. Dunque l’idea di Ciarla, professionista che stimo anche con grande affetto, travalica le aspettative del vedere in quanto premette a ciò che in arte, e non solo, diventa evento storico e didattico per la formazione delle società che hanno capacità e volontà per farsi governare dalla qualità del benessere mentale e della vita. Dunque peccato che la manifestazione nel suo principio pur avendo tale portata nella costruzione pratica manca di elementi fondamentali affinché la qualità e la storia possano successivamente servirsene. Manca la professionalità dell’organizzazione dell’entità degli artisti, manca il catalogo che in arte è l’unico elemento indiscutibile che costruisce il senso degli eventi, manca la critica e soprattutto manca un criterio di scelta che se basato solo sul gusto personale del geniale organizzatore, lascia morire tutti gli elementi che ho scritto in premessa vitalizzano solo il desiderio dell’ideatore (ripeto, ideatore di grande prestigio professionale) “manieritizzando” più un rituale mass mediologo che supportando la cultura e la forza dell’arte che nelle manifestazione e nelle mostre trova il suo cuore palpante. Nell’incontrarmi, Ciarla, ha avuto momenti di difesa; si vede che i critici in qualche modo esistono ancora anche se la condizione e il limite delle amministrazioni tentano in tutti i modi di sostituirli con le delibere che hanno più carattere di provvigione magazzinale che coscienza e gnosi culturale atta all’evoluzione della società che governano, ma Ciarla rivendica che l’impatto diretto dello spettatore possa essere salubre all’intensità percettiva senza avere un filtro che ne diriga il senso e l’identità. Gli ho riferito che ammiravo la sua giovanile forza di fede, ma ho dovuto anche deluderlo con una mera spiegazione didattica: le manifestazioni d’arte sono diverse dalle manifestazioni dello spettacolo, sia esso teatro, musica o danza. L’arte, soprattutto l’arte contemporanea si realizza nel testo critico e nel catalogo che “quando” più è di qualità tanto più rende qualificata la manifestazione e la storia. Purtroppo di questo sapere la regione intera, tranne qualche geniale punto affidato a personaggi che hanno cultura internazionale, manca, e a differenza delle altre regioni italiane e europee, non si preoccupa minimamente di apprenderla gestendo su modello di allevamento agricolo, la sua funzione culturale. Ma Ciarla non ha colpa. Diversamente la colpa l’attribuisco totalmente agli artisti i quali pur provvisti di tutte queste conoscenze assunte per cultura di accademie e di Beaux-Arts, o del Liceo Artistico visto che in Molise manca uno sviluppo universitario e accademico, nella loro vanesia maniera di apparire dilettantistico, non hanno consigliato a nessuno i minimi provvedimenti da adottare per rendere una manifestazione con un così fortunato potenziale, un evento capace di aiutarci a vivere bene e a sperare nel futuro. Come dicevo in una lettera a loro inviata: “[…]ma che gli artisti, che hanno cultura di accademie e di Beaux-Arts si facciano utilizzare come barattoli di tomate da mettere nei supermercati, questo proprio non sta bene…Se le vostre opere sono contenitori di ricerca e di anima, che in questo caso devono anche dare identità ai popoli che rappresentate, e la vostra coscienza non vi indica un minimo sintomo di alterazione elettrica, allora come credete di poter pensare che qualcuno lo faccia in vece vostra?. Pensate forse che i testi critici che vi rappresentano siano i bigliettini dei baci perugina a cui le vostre morose vi hanno abituato? Credete che i vostri linguaggi possano essere sostegno alla qualità delle città, del pensiero che muove le entità profonde della storia e del destino umano? Se siete barattoli da supermercato non siate pop art, siete merce che ha bisogno prima o poi di essere smaltita…”. Ecco, spero non se ne abbia a male nessuno, era mio dovere professionale intervenire, come dovere professionale è quella del medico di fronte al richiamo del malato. Soprattutto spero non se ne abbia a male Luca Ciarla a cui porto da sempre alta stima e, forse, amicizia.

http://www.altromolise.it/notizia.php?argomento=e-mail&articolo=31560

A. P.

travolta12.jpg

travolta1.jpgtravolta1.jpgtravolta1.jpgtravolta1.jpgtravolta1.jpg

La mattina mi svegliò con gli occhi rossi. Explorer blog…

gasbarrini foto.jpg

pele de serpente.jpgfoto1man.jpgfoto 2manazan.jpgfoto3m.jpgIMG_1158a.jpgalma de serpente.jpgamore utopico.jpg

IMG_1124.JPG

ma;parecchio artisti sono usando troppo Nero.
Penso sia la representazione
dal caos contemporaneo, una forza negativa che domina il mondo…me
dispiace, ma devo essere autentica con me stessa, con le cose che vedo e che
sento….

Nella canzione dal ” Cantor e Compositor” Zè
Ramalho, mi piace molto il referimento che lui con il serpenti,
un paragonio che fà fra le donne i il serpente:

Dice lui che l’anima delle donne sono
misteriosa e felina come un serpenti e a volta confusa i difficile da
capire dove nessuno c’è una mappa della sue anima ma che no
stesso tempo è brilosa i rilucenti come una stela…

“Hà um brilho de faca

onde o amor vier…

e ninguém tem o mapa da alma da mulher…
un ser maravilhoso…entre a serpente e a
estrela(…)”

Musica de Zé Ramalho

..."La forza del vento"...che urla nella finestra dal mio studio a Castel San 
Vincenzo....un luogo per me magico...che mi porta dei significativi segnali 
di forza i misteri x l'arte..." 
manzan.  

Foto 743 serra.jpg

magnifica opera. a.p.

Foto 772.jpgFoto 778.jpg

juliet.jpg

ernesto.jpggallery .jpgjuliet info.jpg convegno tracher.jpg

con questo numero:

gallery .jpgconvegno tracher.jpggallery .jpgconvegno tracher.jpg

L’Associazione JULIET si prefigge di promuovere la conoscenza dell’arte contemporanea, curando l’edizione di cataloghi e libri d’arte, organizzando mostre e
conferenze e attuando iniziative che promuovono l’arte in tutte le sue manifestazioni.
L’associazione JULIET pubblica l’omonima rivista JULIET ART MAGAZINE.

JULIET ART MAGAZINE
è una rivista di informazione e teoria strettamente dedicata alle espressioni artistiche contemporanee: arte, moda, architettura, design, fotografia, fumetto, ecc. è stata fondata nel 1980 ed è diretta da Roberto Vidali.
Vengono pubblicati 5 fascicoli all’anno
Date di pubblicazione
15 febbraio, 5 aprile, 5 giugno, 15 ottobre, 5 dicembre
sono inoltre pubblicati, annualmente, 1 “photo juliet” e 1 “extra issue”

Abbonamenti
1 copia = euro 8,00
copie arretrate = euro 16,00
abb. Italy = euro 40,00
abb. Europa = euro 65,00
abb. Estero = euro 90,00
associativo = euro 250,00

Versamenti su cc postale 12103347 o mediante bonifico a
UNICREDIT BANCA TRIESTE Libertà: CIN V – ABI 02008 – CAB 02203 – CC 000005111867

Corrispondenza
Recapito: C.P. 986 – I – 34100 Trieste – tel. 329-2229124 – fax 040-272119
JULIET ART MAGAZINE
Review founded in 1980
P.O. Box 986 – 34100 Trieste – ITALY
Tel. 040.313425
Fax 040.272119
Publication Dates
15th Febr. – 5th April – 5th June – 15th Oct. – 5th December
Material for advertisements must arrive 45 days before the publication date

Subscriptions
Annual subscription
Europe/Uem Euro 65,00
Others Euro 90,00
Supporters Euro 250,00
Biennal subscription:
Italy Euro 70,00
Others Euro 120,00
Back issues:
Euro 16,00

i_gerani_del_super_marcheti.jpg

SANGIORGI MED GALLERY in collaborazione con il GIARDINO LETTERARIO di JERRY DELFINO

                                                        presentano     

                                     MILENA BARBERIS 

                                                       ORA DI LUCE            

a cura di  NICOLA ANGERAME

Inaugurazione Sabato 26 Aprile 2008 ore 18

ingresso libero

catalogo in sede

Sangiorgi Med Gallery 

P.zza Preve 14

Laigueglia  sv

“é…devagar…

devagarinho

è devagar…

è devagarinho… que agente chega là(…)”

(Un SambaCanzione di Martinho da Vila)

Immagine 1620amazan.jpg

Pagina successiva »